Prestiti per stanieri: la guida definitiva

Spesso un prestito serve a finanziare progetti personali o aziendali, ma può essere difficile capire come ottenerlo, soprattutto se si è stranieri.

In questo articolo vedremo i requisiti necessari a ottenere un prestito in Italia e le tipologie di prestito più comuni per gli stranieri. Il mercato dei prestiti in Italia è estremamente competitivo e offre molte opzioni diverse: in questo articolo approfondiremo se e come è possibile ottenere dei prestiti quando si è extracomunitari o stranieri.

Requisiti per ottenere un prestito in Italia

Per ottenere un prestito in Italia, è necessario soddisfare alcuni requisiti fondamentali. Questi requisiti sono richiesti sia ai cittadini italiani sia a stranieri comunitari o extracomunitari e possono variare leggermente a seconda della banca o della finanziaria a cui ci si sta rivolgendo, ma in generale, includono:

  • Residenza in Italia: è necessario essere residenti in Italia per richiedere un prestito. La maggior parte delle banche e delle finanziarie richiedono un indirizzo italiano e un numero di telefono italiano per la comunicazione.
  • Contratto di lavoro: è necessario avere un contratto di lavoro valido e stabile per richiedere un prestito. La maggior parte delle banche e delle finanziarie richiedono un contratto di lavoro a tempo indeterminato o almeno un contratto di lavoro di lunga durata
  • Reddito: è necessario avere un reddito dimostrabile, stabile e sufficiente per garantire la restituzione del prestito. La maggior parte delle banche e delle finanziarie richiedono un reddito minimo di circa 1.000-1.500 euro al mese.
  • Storia creditizia: la maggior parte delle banche e delle finanziarie richiedono una buona storia creditizia per richiedere un prestito. Ciò significa che non si deve avere una storia di insolvenza o di mancato pagamento delle rate del prestito. La richiesta di questo requisito può dipendere dalla tipologia di prestito che si intende scegliere.

Differenze tra richiedenti di prestito stranieri europei e extracomunitari

Ci sono alcune differenze tra i requisiti per richiedere un prestito tra i cittadini comunitari e gli extracomunitari.

Per quanto riguarda i richiedenti di prestito europei, i requisiti sono uguali a quelli per i residenti italiani. Questi richiedenti devono avere un contratto di lavoro valido e stabile, un reddito sufficiente e una buona storia creditizia.

Per quanto riguarda i richiedenti di prestito stranieri extracomunitari, i requisiti possono essere leggermente diversi. In questo caso i cittadini extracomunitari devono avere un permesso di soggiorno valido e, inoltre, potrebbe essere richiesto un reddito minimo più elevato o una garanzia supplementare, come un’auto o una proprietà immobiliare.

In entrambi i casi, è importante notare che i requisiti per ottenere un prestito possono variare a seconda della banca o dell’istituto di crediti a cui ci si sta rivolgendo.

Tipologie di prestiti per stranieri

Ci sono diverse tipologie di finanziamento per gli stranieri, ognuna delle quali ha requisiti specifici e modalità di restituzione diverse. Ecco una descrizione dettagliata delle modalità di prestito più comuni utilizzate per gli stranieri in Italia:

  • Prestito Delega: il prestito delega è un tipo di prestito che viene garantito da un terzo, come un familiare o un amico. In questo caso, la banca o la finanziaria che eroga il prestito si affida alla solidità del garante piuttosto che al reddito o alla situazione finanziaria del richiedente. Questo tipo di prestito è particolarmente utile per gli stranieri che non hanno ancora stabilito una solida situazione finanziaria in Italia o che non hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato.
  • Prestito Cambializzato: in questa modalità di prestito, il richiedente si impegna a pagare al prestatore un importo prestabilito in rate mensili, e il prestatore si impegna a rilasciare la cambiali alla scadenza. La cambiale può essere utilizzata come garanzia anche per ottenere ulteriore finanziamento da parte di altre istituzioni finanziarie o per ottenere ulteriori prestiti.
    In generale, il prestito cambializzato è un’opzione interessante per gli stranieri che hanno difficoltà ad ottenere un prestito da un istituto finanziario tradizionale a causa di un basso reddito e non è necessaria nessuna verifica sulla precedente situazione debitoria del richiedente. Inoltre è particolarmente adatto a persone che hanno bisogno di una quantità relativamente piccola di denaro e che non hanno altre fonti di finanziamento. Tuttavia, è importante considerare che questa modalità di prestito può comportare tassi di interesse più elevati rispetto ai prestiti tradizionali, e che le cambiali possono essere pignorate dalle autorità fiscali in caso di mancato pagamento delle rate.
  • Prestiti Personali: i prestiti personali sono un tipo di finanziamento che consente ai richiedenti di ottenere denaro da un istituto finanziario per finanziare progetti personali, come l’acquisto di un’auto, la ristrutturazione della casa, l’acquisto di elettrodomestici o il pagamento di un debito. Questi prestiti non richiedono alcuna garanzia o collaterale, ma sono basati sulle capacità di rimborso del richiedente. Per ottenere un prestito personale, il richiedente deve presentare una domanda di finanziamento e fornire informazioni sulle proprie finanze, come il reddito, le spese e la storia creditizia. In base a queste informazioni, l’istituto finanziario determinerà se il richiedente è idoneo al finanziamento e quale sia l’importo massimo che può essere prestato.

I prestiti personali sono un’opzione conveniente per coloro che cercano un finanziamento a breve termine e che hanno una buona storia creditizia, oltre a essere in possesso dei requisiti riportati sopra per l’erogazione di prestiti e finanziamenti.

Cessione del quinto per stranieri

Una formula utile per accedere ai prestiti per stranieri è la cessione del quinto. Si tratta di una modalità di rimborso di un prestito in cui l’importo delle rate viene calcolato in base a un quinto del reddito netto del richiedente. Questo significa che la rata mensile non può superare il 20% del reddito netto del richiedente, rendendo il finanziamento accessibile e gestibile per molte persone, anche nel caso di lavoratori stranieri che hanno un lavoro in regola e stabile.

Questa modalità di erogazione è particolarmente utile per coloro che cercano un finanziamento a lungo termine e hanno un reddito fisso e stabile, sebbene non cospicuo. La restituzione del quinto viene spesso utilizzata per finanziare progetti di grande importo, come l’acquisto di un’auto, la ristrutturazione della casa o il pagamento di un debito.

Per ottenere un prestito con la restituzione del quinto, il richiedente deve presentare una domanda di finanziamento e fornire informazioni sulle proprie finanze, come il reddito, le spese e la storia creditizia. In base a queste informazioni, l’istituto finanziario determinerà se il richiedente è idoneo al finanziamento e quale sia l’importo massimo che può essere prestato. È importante notare che questa modalità di rimborso ha alcune limitazioni, come la necessità di avere un reddito fisso e stabile e di avere una buona storia creditizia.

Conclusioni

In conclusione, i requisiti fondamentali per gli stranieri che vogliono ottenere un finanziamento o un prestito in Italia includono necessariamente la residenza italiana e un contratto di lavoro (busta paga), mentre l’ammontare del reddito e la storia creditizia dipendono dal tipo di prestito stipulato.

Tuttavia, i requisiti possono variare a seconda se il richiedente sia un cittadino comunitario o extracomunitario. Per gli extracomunitari sarà necessario semplicemente attenersi alla legge italiana, avendo quindi un lavoro stabile e un regolare permesso di soggiorno.

Per quanto riguarda le diverse modalità di formulazione di prestiti per stranieri, è comune il prestito delega, che viene garantito da un terzo, il prestito cambializzato, che ha il vantaggio di non avere verifiche sulla storia creditizia e il prestito personale. Si consiglia inoltre per gli stranieri che non sono ancora riusciti a ricevere un reddito alto di considerare la modalità di restituzione con cessione del quinto, ponendo un tetto massimo sulla restituzione mensile pari al 20% dello stipendio netto.

Lascia un commento